Questo luogo

Questo dominio è stato registrato da Teréz Marosi il 20.05.2005. Non costituisce testata giornalistica, non ha carattere periodico, non può essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62 del 7.03.2001.

*
Creative Commons License

La proprietà dei contenuti appartiene agli autori indicati nelle pagine.

*

contatto e-mail

Cara Teréz,

tutto cominciò in un festoso incontro di Resistenza col prof. Coppetti e l’ANPI di Cremona. Mi chiese la paginetta che avevo appena letta, scritta il 25 aprile di 35 anni prima in fabbrica, per fotocopiarla. Ci conobbimo su quelle parole: Liberazione e Resistenza. Dalla conoscenza nacquero sentimenti di stima e d’amicizia che si consolidavano man mano che si approfondiva la conoscenza. Le sembrò quindi normale chiedermi di potere condividere con altri questa esperienza come un servizio, attraverso l’apertura d’un sito d’incontro e di dialogo.

Come normale apparve a lei, e anche a me, caratterizzare tale sito con la denominazione ORA SESTA.

Una bella storia. Ci si incontrava 40 anni fa un gruppo di giovani amici per parlare e decidere assieme sul che fare perché la stagione allora promessa d’incontro e di dialogo potesse trovare un boccone di terra in cui seminare le sue speranze. E si scelse come denominazione ORA SESTA, l’ora dell’incontro e del dialogo come risultava dal c. 4 di Giovanni l’evangelista.

Che continui quella seminagione, che si continui e si riprenda a resistere in quella seminagione, mi fa felice. Vuol dire che il testimone da trasmettere valeva bene la corsa, spesso difficile fra ostacoli d’ogni tipo; testimone che è stato ultimamente ricevuto da questo sito, opera della sua amicizia e del suo buon gusto di cui è garanzia la sua gratuità. Grazie, cara Teréz, anche a nome di questi 40 anni di piccola storia.

Luisito Bianchi

Vescovato, 5 luglio 2005

§ 1 commento a Questo luogo

  • antonio vezzosi says:

    penso che sia interessante che i laici che pur fanno parte secondo il concilio vaticano II del popolo sacerdotale continuino questo racconto gratuito nel mondo di oggi così come ben ci ha insegnato questo piccolo e semplice prete di Vescovato ma che in realtà è un fratello <>nella fede,