Simon Mago

28 March 2013 Comments Off

La prima proposta di vendere per danaro il Dono gratuito dello Spirito fu fatta agli apostoli Simon Pietro e Giovanni dal Mago samaritano Simone (cap. 8 degli Atti degli Apostoli) e venne violentemente ricacciata da Pietro: “Va’ in perdizione, Simone, tu e il tuo danaro”. Allora il Mago, che era già stato battezzato dal diacono Filippo, comprese l’iniquità della sua proposta e supplicò l’intercessione degli apostoli per il perdono di Dio. Su questo orizzonte rappacificato finisce la spericolata avventura di Simon Mago.

Ma apocrifi tardivi di ambiente romano fecero entrare il Simone samaritano in perpetuo contrasto con Pietro fatto romano in una grande sfida che terminò, dopo una sorta di magica ascensione, con lo sfracellamento al suolo dello sfidante.

Eppure, nei 2000 anni di storia della chiesa, la proposta di Simon Mago fu a volte accettata, con la conseguenza che si vendette, palesemente o subdolamente, il Dono gratuitamente ricevuto. È questo il peccato che va sotto il termine di simonia in cui è evidente il riferimento al Simon Mago della leggenda e non a quello della storia degli Atti.

È lecito allora proporre una Nuova Leggenda che veda il Simon Mago impegnato a difendere nella chiesa la trasmissione gratuita del Dono di Dio, in modo che non ci sia più simonia, risultando impossibile ogni riferimento non solo al Simon Mago ma anche, e soprattutto, al Simon Pietro?

Nelle leggende, tutto è possibile.

Ci è parso doveroso presentare “Simon Mago. Azione sacra” di Luisito Bianchi con la quarta di copertina dell’edizione originale (Scuola Tipografica S. Benedetto di Viboldone, S. Giuliano Milanese) curata da don Luisito, nel 2002.

Un ringraziamento Fondo Luisito Bianchi che, attraverso la Fondazione Dominato Leonense, oggi è custode del suo lascito, per aver acconsentito di completare la piccola raccolta di e-book di OraSesta delle opere a loro volta pubblicate “gratuitamente da amici e offerte gratuitamente per amicizia”, a Viboldone.

I commenti sono chiusi.

Dove sono?

Stai leggendo Simon Mago.

meta