Era mio padre (e le maschere)

12 July 2008 Comments Off

di Remo Bassini

Si intitola Era mio padre, è edito da Fazi, costicchia (16,50), è un gran bel libro, inclassificabile come il suo autore, Franz Krauspenhaar. Quel che andrò postando, ora, non è nient’altro che un commento, scritto di getto, in un attimo, sul mio blog. Qualcuno(a) però lo ha notato e mi ha chiesto di riproporlo. Volentieri.

Quando ci presentiamo agli altri ci presentiamo con la maschera migliore che abbiamo. Era mio padre è un libro con più maschere. La vita di Franz Krauspenhaar con l’ombra del padre, che ha combattuto per l’esercito tedesco. Un libro di viscere, sincero, onesto. Franz non nasconde le sue maschere peggiori, le sue debolezze, la sua aggressività, la sua incapacità a vivere e ad adeguarsi ai gruppi (aspetto, questo, che mi è particolarmente caro). Franz è un anarchico di destra (con amici e richiami di sinistra), senza carta di indentità. Non è tedesco, non è italiano, ma è italiano ed è tedesco. Non è mai fiero di quel che fa ma un po’ lo è: perché – almeno – ti dice chi è lui, apertamente. senza filtri. Una auto biografia non è mai sincera, perché anche con noi stessi noi non siamo sinceri. Io comunque i complimenti a Franz li ho fatti: si è denudato, senza paura, lasciando alla scrittura, che non è mai perfetta, il compito di fare luce.

PS. L’ho presentato a Vercelli e Trino. Una presentazione, un tramezzino, un’altra presentazione, un boccone e una birra. Ci siamo divertiti. Perché abbiamo invitato la gente a “cazzeggiare” con noi. Invece è successo che qualcuno si è commosso… Insomma, ci siamo divertiti e ci siamo anche un po’ rattristati pensando alle persone che non ci sono più.

I commenti sono chiusi.

Dove sono?

Stai leggendo Era mio padre (e le maschere).

meta