Dell’acqua

28 May 2008 Comments Off

Delle fotografia di Luca Varaschini*

acqua declinata, nella fisicità del mare, fiume, pioggia,
e nella cristallizzazione del diamante, vetro, specchio

acqua magica… discende dall’alto e torna in alto

e sembra corrispondenza del cielo

la pozzanghera, testimonianza di questa sua provenienza,
è sosta e movimento, è specchio e riflesso, alto e basso
“le nuvole sono lassù nell’aria immensa, e sono quaggiù, sotto di noi…”
è colore e contrazione cromatica, allegria e malinconia
“tutti i rossi, tutti i rosa, tutti i gialli, tutti i blu, tutti i verdi, tutti i violetti sono qua,
in un po’ d’acqua che ci mostra tutto il cielo, tutto lo spazio, tutto il sogno…”

è segnato dagli dèi colui che cattura tutto ciò,
o meglio, pur vedendo l’oggettiva bellezza dell’oggetto,
lo riprende, “bagnandolo” della sua soggettiva emozione,
del suo temperamento personale,
e ce lo porge in modo più esaustivo rispetto all’originale,
persino negli sfaldamenti d’immagine
in quanto denota dimestichezza e frequentazione delle emozioni,
le vede, le sente, le identifica e,
mostrandocele, è come se c’invitasse a condividerle con lui
con “il ritorno” di suscitarne nuove, altre, personali, da ri-condividere

se questo non è uno scorrere
“tutto ciò che scorre è liquido… tutto ciò che è liquido è acqua”

Francesca Ripa

* Luca Varaschini – Robertsport (Liberia), 1963; grafico

vedi ancora: Things seen  around

etichetta ,

I commenti sono chiusi.

Dove sono?

Stai leggendo Dell’acqua.

meta